Associazione Strada del Tartufo Mantovano

Comune di Quingentole

Il nome di Quingentole potrebbe derivare da quingenti, ossia cinquecento e che indica la superficie del luogo (cinquecento iugeri) o il tracciato stradale romano. Indagini archeologiche nelle vicinanze del paese hanno confermato la presenza di insediamenti già dal periodo romano, prevalentemente distribuiti lungo la strada provinciale SP 43.

La località, che ha il versante settentrionale affacciato sul Po, era posta all’interno della cosiddetta “isola di Revere” in origine un luogo caratterizzato da numerosi corsi d’acqua e zone acquitrinose. Prima dell'attuale abitato, di origine tardo medievale, i principali nuclei insediativi sorsero a levante del sito, presso la località di Parerolo, in cui, documenti medievali attestano la presenza di una importante fortificazione e di una chiesa oramai scomparsa dedicata a San Chiliano, e presso la corte di San Lorenzo in cui è stata scoperta una delle più antiche chiese della campagna mantovana, datata al VII sec. d.C.

Tra il 1300 e il 1480 i frati del monastero di San Benedetto bonificarono la valle e in questo periodo il Vescovo di Mantova, Giacomo de 'Benfatti, passò i territori a Luigi Gonzaga. Nel 1708, sotto il dominio austriaco e con l’aiuto dei frati benedettini, furono realizzate importanti opere di rafforzamento degli argini e di consolidamento delle bonifiche.  Nel 1797 il paese passò sotto il governo di Napoleone Bonaparte per poi tornare nel 1815 in mano agli austriaci.

Nel centro, caratterizzato da un’ampia piazza rettangolare circondata da edifici storici, è da visitare la Villa Vescovile, ora Palazzo Municipale, edificio realizzato nella prima metà del XV° sec., che, già ampliato alla fine del ‘400, fu arricchito internamente nel ‘500 da decori di Giulio Romano ed esternamente da un magnifico giardino.

Importante è anche la chiesa barocca di San Lorenzo (1751-54), che, costruita per volere del vescovo Antonio di Bagno, presenta nella facciata due leoni in marmo rosso veronese che un tempo erano posti sulla facciata tardogotica del Duomo di Mantova. All’interno sono custodite tele di Francesco Maria Ranieri detto Lo Schivenoglia e di Giovanni Cadioli.

Da non perdere l’Oratorio di San Lorenzo, dedicato alla Beata Vergine di Loreto e costruito utilizzando parte del materiale della demolizione nel 1751 della parrocchiale di epoca matildica, di cui è possibile vedere la traccia dell’antico perimetro all’interno dell’area civica.

Il comune è inoltre dotato di un attracco fluviale turistico, posto sulla storica “Piarda”, un antico manufatto in pietra affacciato sul Po, adiacente al centro abitato.

 

P.zza Italia, 24 - Quingentole - MN
tel 0386 42141

In evidenza

Newsletter